La risposta è nelle stelle | Recensione

Mentre le librerie sono piene dell’ultimo libro di Nicholas Sparks, Nei tuoi occhi, uscito da poco e per il momento in cima alle classifiche, io vi parlo del suo penultimo romanzo: La risposta è nelle stelle, uscito nel settembre 2013 e seguito dal film nel giugno scorso.la-risposta-e-nelle-stelle-nicholas-sparks

Non si tratta di una sola storia, bensì di due, apparentemente molto diverse che si incrociano su una strada innevata. Ira è anziano e ha perso la moglie Ruth alla quale era legato da un amore profondo che tutti sogniamo; ed è propo l’immagine di lei che lo tiene cosciente dopo l’incidente su quella strada. Contemporaneamente una nuova storia, quella tra Sophia studentessa universitaria e Luke, partecipante attivo ai rodei, nasce inevitabilmente, ma dovrà allo stesso tempo mantenersi forte affinché decolli e non cada durante il volo.

Com’è inevitabile durante le storie di Nicholas non si può non essere colpiti dalla dolcezza estrema dei personaggi, dall’amore che si legge nelle loro parole; un amore tanto diverso per ogni personaggio nato dalla sua penna, così come uguale perché per queste storie lo scrittore americano si è sempre ispirato a quella vera di cui è stato lui stesso protagonista. Lo stile è molto semplice e scorrevole, la storia prende subito e si divora in pochi giorni. Questa caratteristica la rende adatta anche ai lettori poco esperti, a quelli non assidui o, ancora, a chi si sta approcciando da poco.download

Tra le due storie personalmente ho preferito quella di Ira e Ruth: mentre giace in quella macchina bloccato e dolorante l’uomo, per sopravvivere e mantenersi lucido rivive davanti a sé la sua storia d’amore con Ruth, e proprio non riesce a lasciar andare. Dai primi giorni in cui nasceva il sentimento, a quelli del matrimonio e infine quelli della dolorosa separazione; noi lettori assistiamo a ogni singolo evento con un sorriso e una lacrima. Quella di Sophia e Luke, invece, non ha soddisfatto a pieno le mie aspettative – quando si aspetta con ansia un libro poi ci si aspetta determinate cose, che se non si presentano lasciano un po’ di amaro in bocca. Quando lo lessi all’epoca, il libro mi piacque, ma ciò che mi lasciò interdetta è stato il finale troppo affrettato e semplice e qualche cliché presente, ahimè, nella storia fra i due giovani.

Giudizio definitivo? Un bel libro per gli amanti del romance, e per chi ovviamente segue da anni lo scrittore, ma non sicuramente tra i migliori – neanche tra i peggiori. Voto finale: 4/5

Tschüss, Em.

Ti è piaciuto il post? Condividilo!

I commenti sono chiusi.