“La casa dei profumi dimenticati” | Recensione

la-casa-dei-profumi-dimenticati_7684_Nella California degli anni Cinquanta, Caterina e Santo, un giovane italiano cresciuto con lei nella tenuta vinicola di Milles Étoiles, consumano una notte di passione dopo la quale lei si scopre incinta. Con la paura del giudizio della famiglia e della società, Caterina nasconde la gravidanza e la figlia per un periodo, cercando di crescerla da sola.

Un giorno torna a casa e scopre che ha ricevuto una eredità in Italia, da una parente morta da poco. Coglie l?occasione per iniziare da capo con la figlia, dopo che la famiglia la respinge Una volta giunta a Montalcino, Caterina scopre un mondo nuovo e allo stesso tempo antico, fitto di misteri e intrighi che coinvolgono tutta la famiglia, e in particolare suo padre Luca e lo stesso Santo. Conosce i segreti di famiglia e come tutto si intreccia, scopre le sue origini e come sua madre l’ha cresciuta e le ha nascosto diverse cose, per proteggerla.  Tra l’armonia delle colline toscane, i vigneti della California e la magia della Ville Lumière, prende vita una vicenda familiare intricata, ricca di passioni, segreti e verità nascoste che coinvolge  fino all’ultima pagina.

Caterina è una donna forte, nonostante i tempi e i pregiudizi della società, ama sua figlia e cerca di fare il possibile per tenerla accanto e crescerla nel miglior dei modi. Sua madre Ava è una donna che rispetta le tradizioni, che non vuole uno scandalo e che sua figlia abbia un futuro compromesso da una notte di passione, è una donna che guarda tutto con gli occhi della società. E’ forte e si è fatta rispettare nel corso degli anni, ma allo stesso tempo è stata sempre rigida e ha nascosto il suo passato e la sua sofferenza.

Il libro tiene con il fiato sospeso fino alla fine, fino all’ultima riga. Si intrecciano storie di diverse famiglie, intrighi, odio e rancore, pettegolezzi e segreti, portando tutti a dover rivelare le cose più temute e nascoste, per poter iniziare una nuova vita. Caterina è una donna forte, lotta per avere un ruolo e per essere rispettata come donna e madre single, combatte contro una società dove le donne hanno bisogno della firma del marito per ogni cosa e del loro consenso. Un mondo che sembra diverso dalla nostra realtà, ma che fa riflettere. Si capisce quanto le donne abbiano sofferto, sposate con mariti che non amavano, con uomini violenti e riprovevoli, ma sole dentro una società che aveva solo pregiudizi.

Un libro davvero bello che tiene incollati alle pagine e fa crescere l’ansia per scoprire il finale, un libro che mostra una realtà diversa, sotto una luce diversa, mettendo in risalto la protagonista e le altre donne che combattono per avere una loro vita. Un libro davvero bello.

Voto 5/5.

Ti è piaciuto il post? Condividilo!
Precedente "Il figlio perfetto" |recensione Successivo Uscite Newton Compton il 7 luglio
  • Sembra davvero un libro interessante, me lo segno! 😉

    • E’ molto carino e si legge velocemente, davvero bello, mi ha sorpreso. Sei hai l’occasione di leggerlo, dimmi cosa ne pensi 🙂