Irene Nemirovsky

Salve lettori,

Di seguito trovate varie citazioni di Irene Nemirovsky divise in base a libro. Prima però, nel caso in cui vogliate informarvi su questa scrittrice, vi rimando alla pagina Wikipedia: Irene Nemirovskytumblr_mh1gjuvSc81qkwqtno1_500

Suite francese:                                                                                                                                                            “Che vadano dove gli pare; io farò quello che desidero. Voglio essere libera. Più della libertà esteriore, la libertà di viaggiare, di lasciare questa casa, voglio essere libera interiormente, scegliere la mia strada, seguirla, senza accodarmi allo sciame. Odio questo spirito di gruppo con cui ci riempiono le orecchie. Tedeschi, francesi, gollisti concordano tutti su una cosa sola: bisogna vivere, pensare, amare insieme agli altri, in funzione di uno Stato, di un Paese, di un partito. Dio mio! Io non voglio questo! Sono una povera donna senza importanza; non so niente ma voglio essere libera!”

La parte più vera di Lucille era quella sottile giovane donna innamorata, ardita, gaia, disperata che un momento prima le sorrideva nello specchio dalla cornice nera…”

Non una confessione, non un bacio, il silenzio… poi dialoghi febbrili e appassionati, parlavano dei loro rispettivi paesi, delle famiglie, di musica, di libri… la strana felicità che li invadeva… quella fretta di svelare il proprio cuore l’uno all’altra… una fretta di amanti che è già un dono, il primo, il dono dell’anima che anticipa quello del corpo.”

” << Nel cuore di ogni uomo e di ogni donna si cela una specie di Eden dove non ci sono né morti né guerre, dove le fiere e le cerbiatte giocano pacificamente insieme. Si tratta solo di ritrovare questo Paradiso, di chiudere gli occhi a tutto il resto. Siamo un uomo e una donna. E ci amiamo.>> Dicevano a se stessi che la ragione, persino il cuore potevano renderli nemici, ma che esisteva un accordo dei sensi che nulla avrebbe potuto infrangere, la muta complicità che lega in un comune desiderio l’uomo innamorato e donna concorde.”tumblr_mocfackpPU1rsyukao1_500

«Ma allora, cos’è che ti conforta?»
«La certezza della mia libertà interiore, » disse lui dopo aver riflettuto « questo bene prezioso, inalterabile, e che dipende solo da me perdere o conservare. La convinzione che le passioni spinte al parossismo come capita ora finiscano poi per placarsi. Che tutto ciò che ha un inizio avrà una fine. In poche parole, che le catastrofi passano e che bisogna cercare di non andarsene prima di loro, ecco tutto. Perciò prima di tutto vivere: Primum vivere. Giorno per giorno. Resistere, attendere, sperare».”

Te l’ho sempre detto, non dai abbastanza peso alle comparse. Un romanzo deve somigliare a un viale pieno di sconosciuti, in cui passano solo due o tre creature che conosciamo a fondo, non di più. Prendi certi scrittori, come Proust: hanno saputo utilizzare le comparse. Se ne servono per umiliare, per sminuire i personaggi principali. Niente di più salutare, in un romanzo, di questa lezione di umiltà inflitta ai protagonisti. Pensa, in Guerra e Pace, alle contadinelle che attraversano la strada davanti alla carrozza del principe André ridendo e la prima immagine che ne hanno è quella di lui che parla con loro, alle loro orecchie; nello stesso tempo la visione del lettore si allarga, non c’è più un singolo volto, una singola anima. Si scopre la molteplicità delle forme.”tumblr_nl7q0afQSE1tavfaqo1_500

Vogliono farci credere che siamo in un’epoca comunitaria in cui l’individuo deve soccombere affinché viva la società, e non vogliamo vedere che quella che soccombe è la società affinché vivano i tiranni.”

Sapeva che cosa significassero le parole pericolo, coraggio, paura, amore… Sì, anche amore… Si sentiva bene, adesso, forte e sicuro di sé. Non avrebbe mai più guardato con gli occhi degli altri, e ormai anche quello che avrebbe amato e in cui avrebbe creduto sarebbe stato opera sua e non ispirato da altri.

“Tra di loro vi era un mondo di sfumature inquiete, inespresse, qualcosa di fragile come un prezioso cristallo che una parola sarebbe bastata a spezzare. Lui forse ne era consapevole, si fermò infatti con lei solamente per un breve momento. Si tolse il cappello, le prese le mani. Prima di baciarle, appoggiò per un istante su di esse la gota, con un movimento dolce e imperioso insieme. Un tentativo di apporre su di lei, come un sigillo, il fuoco di un ricordo?”

Link diretto all’acquisto su amazon.

Il malinteso:                                                                                                                                                               Amare e non essere amato, essere a letto e non dormire, aspettare e non veder arrivare, sono tre cose che fanno morire. Così, più o meno, recita il proverbio

“Ecco, ecco qui, è finita… E io non mi ero neanche accorta che quella era la felicità… E adesso, è finita…”

“La musica ha il potere di resuscitare i giorni passati, soprattutto la musica semplice, ma questo potere possono averlo, pensò Yves, anche certi volti di donna.”tumblr_nm8et46qgY1rw9ch4o1_400

L’energia che un tempo si dedicava senza risparmio alla passione, all’amore, ecco noi oggi la usiamo per mille noie quotidiane, che abbrutiscono… Per amare come loro ci vuole tempo libero, ricchezza… e poi, erano così felici… la loro vita era tranquilla, sicura, comoda, gioiosa… loro avevano bisogno di emozioni, mentre noi abbiamo solo bisogno di riposo. E forse, infine, l’amore ha bisogno più di quanto non si dica di palazzi di marmo, di pavoni bianchi e di cigni.”

“In quei momenti capiva chiaramente perchè ci si sposa… per avere questo, una presenza, un frusciare di gonne, qualcuno a cui raccontare cose insignificanti, qualcuno da rimproverare senza motivo quando si è di cattivo umore, qualcuno che è li anche se si rimane in silenzio.”

“Qualche volta, l’estate passata, sulla spiaggia, si divertiva a immergere le mani in mare nel tentativo di raccogliere un pò di schiuma; serrava i palmi l’uno contro l’altro e gridava di gioia; poi correva da Denise con tutta la forza che aveva nelle gambette, ma quando apriva le dita non trovava altro che un pò d’acqua… Allora si metteva a piangere, povera bimba… ma poi ricominciava… Ecco, l’amore era proprio la stessa cosa.”

Link diretto all’acquisto su amazon.

Due:                                                                                                                                                                            “Quel disperato bisogno di felicità… Credi che passerà, che sparirà col tempo?”

I giorni che dovevano venire erano attesi fino allo sfinimento e ogni volta, chissà perchè, risultavano una delusione. Ecco dunque ciò che faceva sfiorire la gioventù.”

Non si muovevano, abbracciati, i corpi stretti, l’uno contro l’altro. Non provavano desiderio; erano calmi, un pò ironici e senza gioia, ma dopo un attimo ebbero la sensazione che ogni fatica fosse svanita.”tumblr_nm8qvv8zig1tuaftko1_1280

Si ricordava a volte quella sensazione di procedere a tentoni, in una foresta buia, che dà l’amore, quando ancora è all’inizio, quando corpo e anima sono ugualmente sconosciuti e pieni di sorpresa.”

“Un marito e una moglie non vedono i lineamenti l’uno dell’altro, non compiono quel lavoro mentale che consiste nel paragonare di continuo l’immagine rimasta nella memoria e quella che hanno davanti agli occchi in quel preciso momento. Guardano il sorriso e non il disegno della bocca, l’espressione e non la forma degli occhi, e questo per dieci, quindici anni…Poi, a un tratto, una sera, una sera come le altre, lui legge, lei cuce, e uno dei due alza gli occhi; l’altro, sentendo quello sguardo su di sè forse domanderà:” Che c’è? Che hai?”. Il primo risponderà: “Niente”, oppure “ti amo”, o qualcosa di altrettanto automatico, ma in realtà, per un attimo, l’uomo o la donna hanno realmente visto, e a volte hanno dovuto fare un impercettibile sforzo, per riconoscerlo, il volto di chi condivide con loro la vita.”

Link diretto all’acquisto su amazon.

Ti è piaciuto il post? Condividilo!
Precedente Rose. Successivo Homo Faber, Max Frisch