Il buio oltre la siepe

Avete presente quando volete leggere da tanto tempo un libro e quando finalmente lo fate siete così contenti, ma poi si rivela un enorme delusione? Ecco, non è questo il caso.

Chi mai potrebbe rimanere deluso da Il buio oltre la siepe ?har

Jean Louis Finch, o semplicemente Scout è una bambina che abita a Maycomb, Alabama, che ci racconta in prima persona tutto ciò che le succede tra i 6 e i 9 anni: le estati con il fratello Jem (Jeremy Atticus Finch) e l’amico Dill (Charles Baker Harris), i tentativi di far uscire di caso lo strano vicino Artur “Boo” Radley e il processo a Tom Robinson, giovane di colore nero accusato di violenza carnale.

Durante la lettura mi sono commossa molto spesso e mi sono sentita stringere il cuore per i temi trattati all’interno di questo romanzo: la giovane Scout si batte ingenuamente contro tutti i pregiudizi che aleggiano nell’aria cittadina, cerca di capire le ragioni che si celano dietro gli strani comportamenti della gente e, lei stessa, supererà alcune paure irrazionali – come quella per Boo, di cui ha paura solo perché è avvolto da un’aria di mistero e non l’ha mai visto – e capirà che quasi tutti sono simpatici quando si riesce a capirli.

 

«Miss Gates è una ragazza per bene, non è vero?»

«Certo», disse Jem. «Mi piaceva, quando l’avevo come maestra».

«Odia terribilmente Hitler…»

«E che c’è di male?»

«Oggi non ha fatto che ripetere che era una cosa terribile trattare così gli ebrei. Non è giusto perseguitare così la gente, vero, Jem?»

«Santo cielo, no, Scout: che cos’è che ti preoccupa?»

«Be’ uscendo dal tribunale, quella sera, miss Gates stava… scendendo gli scalini proprio davanti a noi, tu non devi averla vista, parlava con miss Stephanie Crawford. La sentii dire: è ora che qualcuno dia loro una lezione, hanno alzato troppo la cresta, e un po’ alla volta si mettono in testa di poterci anche sposare. Jem, come si fa a odiare Hitler in quel modo e poi, a casa propria, comportarsi così con gente che…».

Purtroppo conosciamo bene questa parte della storia, tutto ciò che le persone di colore hanno dovuto superare, ma leggere un libro del genere ci tocca sempre nel profondo. Di cosa dovremmo essere fatti per rimanere impassibili di fronte a certi racconti? Di latta?

I personaggi che ho apprezzato davvero tanto sono Atticus Finch, avvocato e padre di Scout e Jem, Calpurnia, la loro domestica e Miss Maudie, la vicina. Il primo è un padre fuori dal comune: inizialmente potrebbe sembrare agli occhi di un estraneo un personaggio strano, ma se si va avanti con la lettura e lo si conosce meglio attraverso le parole di Jean Louis ci si rende conto che è una persona molto speciale, più coraggiosa di chiunque altro sia sempre disposto a venire alle mani e a imbracciare il fucile. È merito suo se i due ragazzi sono cresciuti con i giusti valori in mezzo alle tanti menti fuorviate di Maycomb.

Calpurnia è una donna di colore che ci dimostra, come hanno fatto altri prima di lei, che non è il colore della pelle a dimostrare chi siamo come persone: un uomo bianco può essere la persona più ignobile e orribile del mondo, un uomo di colore può essere l’anima più gentile e buona che ci sia.  Infine Miss Maudie ci sprona a non mollare, non bisogna mai smettere di combattere per i giusti ideali perché, anche in mezzo a tanti pregiudizi, ci sarà sempre chi la penserà come noi, anche solo una persona; bisogna solo cercarla attentamente.

Voglio concludere questa recensione invitandovi caldamente a leggere questo libro se non lo avete fatto, perché è proprio di quelli che non riuscite a chiudere, di quelli che vi dispiacerà posare sul comodino dopo l’ultima pagina, di quelli che vorreste rileggere ogni volta come se fosse la prima volta. Un solo premio Pulitzer non basta a premiare Harper Lee!

Infine volevo ricordarvi che in America, precisamente a Luglio, il nuovo libro Va e metti una sentinella” è già uscito. In Italia uscirà il 15 novembre, se volete saperne di più potete informarvi qui.

Buona lettura,

Tschüss, Em.

Ti è piaciuto il post? Condividilo!
Precedente Il mercante di libri maledetti Successivo Veleno d'Inchiostro (citazioni)
  • Bellissima recensione! Ho sempre voluto leggere anche io questo romanzo, spero di farlo presto! 😉

    • Em

      e poi voglio sapere cosa ne pensi *O* è entrato nella mia TOP 10 assolutamente!