Fazi Editore: in uscita a Marzo

Salve a tutti,

siamo appena a febbraio, ma noi vi lasciamo già con largo anticipo delle piccole perle che saranno pubblicate da Fazi Editore a marzo. Prendete carta e penna perché non vorrete lasciarvele scappare.

Slumberland di Paul Betty

Ambientato a Berlino nel 1989, è la storia Dj Darky, un nero di Los Angeles che sogna di ritrovare Charles Stone, in arte Schwa, mitico musicista dell’avanguardia jazz, e fargli suonare il suo perfetto pezzo beat. Un romanzo osannato dalla critica in cui Paul Beatty, con tono provocatorio e humour raffinato, riflette sulla questione razziale, sulle relazioni uomo-donna e su tanta musica, costruendo un graffiante ritratto delle contraddizioni di quegli anni.

Il boulevard delle ossa di Lèo Malet

Un romanzo finora inedito da uno dei grandi padri del noir francese. Per la serie I nuovi misteri di Parigi, ritroviamo l’affascinante investigatore privato Nestor Burma, uno che preferisce il cervello alla pistola, ancora protagonista di un’avventura che vede coinvolti criminali russi e cinesi nel IX arrondissement della capitale francese.

La Magnifica di Arnaldo Colasanti

Arnaldo Colasanti torna al romanzo per raccontare le miserie di un gruppo di undici scrittori – i migliori scrittori italiani – scelti da un’influentissima e temuta operatrice culturale, la Vecchia, per partecipare a un tour promozionale negli Stati Uniti d’America. Dal Professorino al Narratore Padano, all’Esordiente belloccio, Colasanti fa sfilare vanità, viltà, frustrazioni, invidie e speranze (poche) degli intellettuali italiani, interrogandosi su quale sia il rapporto oggi tra scrittura e verità.

La natura dell’amore di John Burnside

Da una delle voci più note e celebrate della poesia e della narrativa del Regno Unito, un’opera potente e insieme intima, che fonde in maniera magistrale prosa e poesia, essay e memoir. Una riflessione intensa e poetica sull’amore e le sue possibilità, un inno alla natura selvaggia e libera presente in tutti gli uomini.

Un incantevole Aprile di Elizabeth Von Armin

Pubblicato per la prima volta nel 1923, esce in una nuova traduzione il capolavoro di Elizabeth von Arnim: una storia di amicizia al femminile, un inno al coraggio di cambiare la propria esistenza, un romanzo irriverente e pieno di vita, che divenne subito un best-seller e dal quale sono stati tratti due film di successo: il primo, “The ladies meet”, nel 1935, diretto da Harry Beaumont con Ann Harding, Katharine Alexander e Frank Morgan; il secondo, “Enchanted april” diretto da Mike Newell nel 1992, con Miranda Richardson e ambientato nel Castello Brown di Portofino.

Quale uscita vi interessa di più? Fatecelo sapere nei commenti.

Buona lettura a tutti. 

Ti è piaciuto il post? Condividilo!
Precedente Il quinto Francesco | Recensione Successivo La pianista di Auschwitz | Recensione