Fahrenheit 451 (citazioni)

Buon Sabato sognatori,

rieccomi con un post pieno di citazioni. Oggi ve ne dedico alcune di uno dei miei libri preferiti “Fahrenheit 451” di Ray Bradbury. Considerato parte di una trilogia distopica, di cui fanno parte anche “Il mondo nuovo” di Huxley e e “1984″ di Orwell, è ambientato in questo mondo dove i libri non si leggono ma si bruciano. Il protagonista, Montag, fa il “pompiere” per mestiere e un giorno, quando sta incendiando la casa di una vecchia signora, viene rapito irreparabilmente dall’amore per i libri. Improvvisamente, come qualcosa di inspiegabile che doveva accadere e basta. Di seguito le citazioni che amo di più.

Curiosità sul titolo:  Fahrenheit 451 era ritenuta da Bradbury la temperatura adatta per accedere la carta.

“Ci deve essere qualcosa di speciale nei libri, delle cose che non possiamo immaginare, per convincere una donna a restare in una casa che brucia.”

fahrenheit

“E ho pensato ai libri. Per la prima volta mi sono accorto che dietro ogni libro c’è un uomo. Un uomo che ha dovuto pensarli. Un uomo a cui è occorso molto tempo per scriverli, per buttar giù tante parole sulla carta.”

“Un volume scese, quasi docilmente, come un colombo bianco, tra le sue mani, le ali tremule. Nella luce fioca, vacillante, una pagina rimase aperta e ferma ed era come una penna nivea, col le parole delicatamente dipintevi sopra. In tutta quella confusione, quella fretta, Montag ebbe soltanto il tempo di leggere una riga, ma quella riga gli fiammeggiò nella menta nel minuto successivo come se vi fosse stata impressa con un ferro rovente.”

“A qualcuno è occorsa tutta una vita per mettere sulla carta una parte dei suoi pensieri, per guardarsi intorno per descrivere il mondo e la vita come li vedeva lui e poi salto fuori io e in due minuti BUM! è tutto finito!”4511

“Come nel riempire una caraffa goccia a goccia, c’è finalmente una stilla che la fa traboccare, così in una sequela di atti gentile ce n’è infine uno che fa traboccare il cuore.”

“Le cose che voi cercate sono su questa terra, ma il solo modo per cui l’uomo medio potrà vederne il novantanove per cento sarà un libro.”451

“Riempiti gli occhi di meraviglie, vivi come se dovessi cader inerto fra dieci secondi.

“Ognuno deve lasciarsi qualcosa dietro quando muore. Qualcosa che la nostra mano abbia toccato in modo che la nostra anima abbia dove andare quando moriamo. Non ha importanza quello che si fa, purché si cambi qualche cosa da ciò che era prima in qualcos’altro che porti la nostra impronta.”

Non vi è ancora venuta voglia di leggerlo?

Tschüss, Em.

 

Ti è piaciuto il post? Condividilo!
Precedente I doni della vita Successivo Vorrei che l'amore avesse i tuoi occhi
  • Si, direi che mi è proprio venuta voglia di leggerlo, sono molto curiosa! Prima o poi lo farò 😉

    • è molto bello, è uno dei miei preferiti 🙂

  • Adoro le citazioni! Devo assolutamente leggere questo libro! 🙂

    • Em

      Si anch’io :3 per questa è la mia rubrica preferita! Anche tu le segni su un quaderno/agenda per caso?