Colpa delle stelle | Libro & Film

All’inizio di agosto davano su Premium “Colpa delle stelle” e siccome mi avevano praticamente costretto a star giù in salone e non potevo chiedere l’aiuto dei miei amici libri, ho concluso che ri-vedendolo avrei almeno fatto qualcosa di più interessante che star a sentire discorsi che non mi riguardavano, né mi interessavano.

Dopo ho pensato che sarebbe stato carino fare un confronto tra film e libro a mente più fresca._colpa-delle-stelle-1353958507

Inizio dicendo che dopo circa quindici minuti che stavo guardando il film ho cominciato a riflettere sul perché il tutto mi sembrava strano, in fondo il film lo avevo già precedentemente visto e mi era anche piaciuto. Cos’era allora? Mi sono risposta dopo qualche minuto: il doppiaggio! Non abbiatecela con me, ma i film preferisco vederli sempre in lingua originale, non sempre accade ovviamente. Ma nel caso in cui veda un film in inglese – in questo caso – e dopo doppiato, mi fa sempre un effetto strano.

Per la scelta degli attori, devo dire che sono abbastanza soddisfatta, in particolare ho adorato gli attori che interpretavano i genitori di Hazel Grace, mi sono sembrati abbastanza calati nella parte e corrispondenti a quelli di cui abbiamo letto tra le pagine scritte da John Green. D’altro canto non mi è piaciuto colui che interpretava Peter Van Houten, a parte il fatto che leggendo il libro lo avevo immaginato con tutto un altro aspetto – totalmente scontato che succedesse, vero? – continuavo a vederlo come un mostro capace di ingurgitarsi Gus e Hazel da un momento all’altro. Ok, ammettiamo che il personaggio del libro non è questa anima buonissima, ma certo lo è di più di quella che vedevo io attraverso il volto di Willem Dafoe. Forse forse sono stata troppo influenzata dalle tante volte che ho visto il film Spider-man, dove l’attore interpreta Goblin, acerrimo nemico dell’eroe.

colpa-delle-stelleParliamo invece dello svolgimento della storia: non ho notato tagli degni di nota o che mi abbiano fatto storcere violentemente il naso. Nel complesso direi che sono soddisfatta per la riuscita del film che ricordo ebbe grande successo, anche grazie agli attori protagonisti, ma devo dire che mi ha commosso pochissimo, forse mi commuoverei  molto di meno anche leggendo una seconda volta il libro, ma alla fine le parole scritte mi emozionano sempre di più.

Voi, invece, come avete trovato la rappresentazione del film? Trovate che sia fatta bene o, al contrario, vi ha completamente deluso? Se volete potete lasciarci la vostra opinione in un commento.

Tschüss, Em.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Ti è piaciuto il post? Condividilo!
Precedente Il sottotenente Gustl | Recensione Successivo Flawed - Gli imperfetti | Anteprima