Coffee Booktag

Buon inizio settimana,

per ogni inizio settimana che si rispetta abbiamo bisogno di una carica d’energia: il vostro caffè lo avete preso? Tra studio e ore di lavoro chissà quante altre volte ne avrete bisogno – ma senza esagerare mi raccomando. Io ne approfitto anche per rispondere a questo coffee booktag nel quale sono stata invitata dalle admin de La nicchia letteraria – ultimamente abbiamo invertito i ruoli se ve ne siete accorti.

Nero: Una serie con cui hai faticato ad approcciarti, ma che ha i fan più sfegatati. 

Qui ci sta di diritto Hunger Games di Suzenne Collins. Ne ho sempre sentito parlare bene ovunque andassi, vedo foto dei suoi libri in ogni dove, ma proprio niente riuscirà a convincermi a leggerlo.  La trama non mi ha mai lontanamente ispirato e aver visto 10 minuti del film per me è già tanto.

Link diretto all’acquisto su amazon

Mocha alla menta: Un libro che diventa più popolare durante l’inverno e le festività

Questa volta non posso evitare di dichiararmi d’accordo con la risposta di Lady C. Ogni volta che arriva dicembre cominciano a spuntare copie di “Canto di Natale” di Dickens nemmeno fossero funghi. Io per correttezza preferisco leggerlo d’estate, meglio andare contromano ogni tanto.

Link diretto all’acquisto su amazon.

Cioccolata calda: Il tuo libro preferito per bambini

Premettendo che io anche da piccola non leggevo molti libri da bambini, ma leggevo molti fantasy, potrei citare la “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”. Me lo ricordo anche come il primo film che andavi a vedere al cinema, avrò avuto tre o quattro anni ma ho un paio di scene sempre vivide nella mente.

Link diretto all’acquisto su amazon.

Espresso doppio: Un libro che ti ha tenuto incollata alle pagine dall’inizio alla fine.

Ammetto che non ce ne sono pochi, molti libri mi fanno questo effetto: con alcuni riesco a controllarmi, con altri no. Mi ricordo ancora di aver divorato la trilogia di Paullina Simons (complessivamente 2100 pagine) in circa cinque giorni – la mia vista ancora si vendica per questo – quindi mi sembra di dover citare proprio il primo: “Il cavaliere d’inverno”. Una bellissima storia d’amore e di guerra.

Link diretto all’acquisto su amazon.

Starbucks: Un libro che vedi ovunque

Assolutamente quelli di Sarah J. Maas: che siano in lingua originale o in italiano li vedo ovunque e giusto per essere coerente vi dirò che mi passa solo la voglia di cominciare a leggerli. Come sempre più vedo un fantasy, più lo si pubblicizza e più non voglio leggerlo. Questa serie sicuramente non è nella mia wishlist.

Link diretto all’acquisto su amazon.

Caffetteria Hipster: Consiglia il libro di un autore sconosciuto

Mi sento di consigliarvi l’ultimo libro di un autore emergente che ho letto: Ali di piombo di Garbiele Orsini. Mi è piaciuto così tanto che penso che molte più persone dovrebbero leggerlo. Se mai lo farete fatemelo sapere!

Link diretto all’acquisto su amazon.

Ops! Ho ricevuto un decaffeinato per sbaglio: Un libro da cui ti aspettavi molto di più

“Oceano Mare” si presta decisamente alla definizione. Avevo letto Novecento e pensavo che anche questo si sarebbe rivelato un libro carino. Per molti forse è così, ma decisamente non per me. Dopo questo la sottoscritta non è proprio amante dell’autore italiano.

Link diretto all’acquisto su amazon.

La miscela perfetta: Un libro o una seria che ti è stato sia dolce che amaro ma alla fine pienamente soddisfacenteForse è un po’ che non ve la nomino e bisogna anche dire che tra le serie fantasy del momento è la meno conosciuta, ma a me piacque davvero, davvero tanto – un altro espresso doppio per rimanere in tema caffè. La serie “Delirium” di Lauren Oliver non è quella che si vede ogni giorno su facebook o Instagram, ma non per questo merita meno. Se ne avete l’occasione e amate il fantasy/distopico leggetela.

Link diretto all’acquisto su amazon.

E siamo arrivati anche alla fine di questo tag a base di caffè se vi è piaciuto sarei davvero curiosa di vedere le vostre risposte: scrivetemele pure nei commenti.

Nel frattempo invito anche alcuni blog, tra cui i soliti: Words, Dreaming with books e Questioni di libri.

Tschüss, Em.

Ti è piaciuto il post? Condividilo!
Precedente Siddharta | Citazioni Successivo Incontro con un idolo: un'emozione che fa tremare le gambe
  • “Canto di Natale” letto in estate? Mi piace questo tuo consiglio 😀 ahahah

    “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” è uno di quei libri che non si scordano mai… Tipo “Il piccolo principe”… Dovrei rileggerli!

    Prometto che un giorno comprerò la trilogia della Simons… GIURO <3 ahahah

    • Giusto per contraddistinguersi ahahah giusto ieri l’ho vista in libreria la trilogia, vedi di muoverti che è troppo bella 😉